Archive by Author

Dal Diario di Suor Petra (1996)

 

Immagine dipinta da Suor Petra Giordano

Immagine dipinta da Suor Petra Giordano

 

O Gesù, oggi è la giornata del ringraziamento. Ti voglio ringraziare per i Santi Esercizi che anche quest’anno ho potuto fare. Ti voglio ringraziare perché posso ancora scrivere senza vedere. Ti voglio ringraziare per le grazie meravigliose con le quali hai infiorata la mia vita. Ti voglio ringraziare per le grazie che continuamente mi doni, per la grazia di esserti fedele nella ferma fiducia che mi farai perseverare fino al mio ritorno a Te. L’unico proposito che esprimo è quello di sempre vivere ogni istante unita a Te in stato di offerta e in unione continua alla Tua offerta per la gloria del Padre e per la redenzione di tutti. Questa offerta te la presento sempre per le mani di Maria Immacolata, mia Madre e Regina, per le mie consorelle e confratelli. Voglio essere sempre un dono di amore e un sorriso perenne. Grazie per la gioia di essere in questo Ordine, sotto la protezione del nostro glorioso Padre San Domenico e di tutti i nostri Santi. Metto nelle Tue mani e nel Tuo Cuore o Gesù e in quello della Tua santissima Madre le mie gioie, i miei cocenti dolori, i miei immensi desideri, tutti quelli che amo e tutti quelli che mi circondano. Ave Maria.

Scriveva all’inizio della Quaresima del 1968…

Scriveva all’inizio della Quaresima del 1968 in un giorno di ritiro:

“Navigo in un mare di amarezza, o Gesù mio chi può comprendere l’acutezza di  questa prova? Oh! Le creature, Gesù mio, come sono deboli, limitate, incostanti. Ma io ho sempre confidato in Te solo perché Tu sei il Santo, Tu solo il Signore, Tu solo l’Altissimo.

Oh, sì! Sottraimi ogni appoggio umano, io ne godo e ne godrò. Fate però che io guardi sempre con occhio d’amore gli strumenti delle tue misericordie e mi umili sempre più profondamente davanti a Te e alle creature.

Proposito. Passerò questa Quaresima in un sacro silenzio interno ed esterno, rimettendomi a Dio continuamente in questa intricata matassa.

Sarò molto unita alla Vergine”.

Ave Maria”!

E sempre all’inizio della Quaresima del 1997, così si rivolgeva al Signore:

“O Gesù, sento che hai lavorato in profondità nel mio cuore. Più  mi avvicino a Te più sento il mio nulla, ma questo sentimento non mi deprime, anzi mi solleva, mi dà una fiducia sconfinata, perché Tu solo diventi sempre più il mio sostegno, la roccia su cui poso il mio piede e perciò non potrò mai vacillare.

Spesso, quasi sempre quando sono davanti a Te, mi sento trasportata da desideri sconfinati, insieme a una speranza che a volte mi sembra certezza, che sarò appagata al di là di ogni mia brama.

In questo sacro tempo mi voglio applicare a rimuovere ogni ostacolo alla tua grazia, perseverare con insistenza nella preghiera che sento germogliare nel cuore sempre più universale.

Aiutami, o Signore, specialmente nei momenti di abbattimento interiore, di quelle nubi così nere che a volte mi passano nello spirito senza sapere da dove vengono e dove vanno”.

Suor Petra da ragazza

Avevo quattordici anni . A Roma, conobbi  le  Suore  di Nèvèrs  che furono gli angeli della mia giovinezza. A sedici anni ricevetti il sacramento della Cresima con grande fervore. Pensavo che così fortificata avrei avuto più coraggio per  superare me stessa.

suor-petra-ragazza

MIRACOLI e GRAZIE

Chiunque ricevesse Grazie per intercessione di suor Petra è pregato di inviare tramite questa pagina comunicazione al Monastero, che provvederà ad inviarne copia alla Curia Vescovile

Il quadro della Madonna del Rosario

quadro-madonna-rosario

Quadro miracoloso della Madonna del Rosario di Pompei, che il papà di suor Petra, molto malato, vide la Madonna muoversi verso di lui e dopo poco tempo guarì completamente. Suor Petra lo ha sempre conservato gelosamente nella sua cella.

La cella di suor Petra

 

Per meglio conoscere suor Petra nella sua vita terrena nel Monastero di Santa Maria del Sasso, mostriamo le immagini della sua cella (e come la sua di tutte le consorelle), onde mostrare in quale semplicità e povertà vive una monaca di clausura.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA